DSCF5612.jpg

ABOUT

"La musica, suonare, è una passione che mi accompagna da sempre, mi ha divertito e catturato da bambina quando suonavo e ascoltavo di tutto. Ha incanalato, portato ordine e consolazione nel caotico universo emotivo della mia adolescenza, ed ora è il modo privilegiato in cui rivelo la parte più profonda e sincera di me".

1977
1977

2014_Concerto al Suffragio
2014_Concerto al Suffragio

2020_Concerto su Zoom
2020_Concerto su Zoom

1977
1977

1/7

Claudia Berti, nata a Rimini nel 1968, ha studiato pianoforte presso il Liceo Musicale G. Lettimi con il M° Annalisa Lotti e si è diplomata nel 1989 presso il Conservatorio G. Frescobaldi di Ferrara.


Dopo il diploma Oscar Benavidez, grande ballerino argentino e maestro di tango, la coinvolge in un trio con il bandoneonista argentino Roberto Di Rosa e il violinista Aldo Veronesi. Comincia così un’intensa esperienza con i classici del tango argentino quali C. Gardel, J. Filiberto, J. Caruso, E. Arolas, J. Padula, J. Plaza, A. Villoldo, A. Piazzolla, e con il mondo di appassionati che lo frequenta.


La profonda sintonia per la musica antica, nata già all’inizio degli studi musicali e sempre viva, la porta a intraprendere, nel 1996, gli studi di clavicembalo e organo al Conservatorio G. Rossini di Pesaro, dove consegue nel 1999 il compimento inferiore di organo con il M° Gabriele Gravagna e nel 2000 il diploma di clavicembalo con il M° Maria Letizia Pascoli.
 

Si laurea in clavicembalo con il massimo dei voti e la lode nel 2007 presso il Conservatorio G. B. Martini di Bologna con il M° Silvia Rambaldi, discutendo una tesi in Management dello spettacolo. Ammessa come allieva effettiva ai corsi di perfezionamento di clavicembalo, studia con Kenneth Gilbert e Christophe Rousset all’Accademia musicale Chigiana di Siena, con Gordon Murray all’Accademia di musica antica di Bolzano e con Pierre Hantaï a Cremona. In Francia, ad Ambronay, frequenta lo stage “Les Leҫons de Ténèbres” diretto da C. Rousset e Isabelle Poulenard e, sempre con C. Rousset, la masterclass dell’Académie Musicale de Villecroze.
 

Ha svolto una ricca e variegata attività concertistica in diverse formazioni orchestrali e cameristiche e come solista. Per citarne alcune: con “La Camerata del Titano” ha eseguito il basso continuo al clavicembalo nelle opere “Lo speziale” di F. J. Haydn e “La serva padrona” di G. B. Pergolesi e con l’orchestra del Laboratorio di Opera e Musica di Bazzano nelle opere “La canterina“ di W. A. Mozart e “Il fantasma” di P. Morandi; nella Missa à 9 di Antonio Draghi; ha suonato nel duo Echi barocchi con il violoncellista Cristiano Rodilosso “Sonate e fantasie barocche”; nell’ensemble Ad libitum in varie edizioni di “Musica nel Chiostro”; nello Stabat Mater di G. B. Pergolesi con le cantanti Elettra Benfatto e Ombretta Mazza; nell’evento “Arte per l’educazione” con Laura Catrani, Arianna Lanci e Michael Barletta; nella Rassegna “Antiche vie degli organi” e in quella “Omaggio a Thomas Walker” ha anche tenuto il concerto di Natale 2014 e di recente il concerto in streaming del Rotary Rimini Riviera.


Ha collaborato inoltre, come organista della Cattedrale di Rimini, con la Cappella Musicale Malatestiana, con la quale ha eseguito anche il basso continuo all’organo nella Messa in do maggiore di F. Schubert e nel Requiem e nella Messa dell’incoronazione di W. A. Mozart.
 

Il suo clavicembalo, ad opera di Roberto Livi, è stato realizzato su un originale fiammingo Albert Delin del 1759.


Ha pubblicato:
Il CD
“J. J. Froberger, A restless traveller” per l’etichetta Acanto nel 2017

Il CD “Light and Shade”, contemporary piano compositions per l’etichetta Acanto nel 2021
Il singolo
"More Palatino" di Jan Pieterszoons Sweelinck nel 2019